Nuovi artigiani per il made in Italy che cambia

Mentre visitavo lo stabilimento di Cottoveneto ho notato una giovane dipendente comporre manualmente un mosaico sulla base di un disegno che teneva vicino a sé. Ho chiesto alla mia guida se tanta personalizzazione del prodotto fosse pratica comune. La risposta è stata illuminante: “Nel corso degli ultimi anni, i produttori di forni per la produzione di piastrelle hanno venduto macchinari in tutto il mondo;” – mi è stato detto con tono pacato – “Ormai tutti sono in grado di fornire un prodotto standard. Come tante altre aziende italiane, noi siamo costretti a personalizzare quanto più possibile la nostra offerta. Per questo è necessario il contributo di personale qualificato”.  E’ vero: se in questi il made in Italy è cresciuto, è stato grazie alle esportazioni del settore metalmeccanico, in particolare di macchinari in buona parte riconducibili proprio ai prodotti per cui l’Italia è famosa nel mondo. Paradossalmente, più vendiamo tecnologia, più siamo costretti a a tornare alle origini. E per rimanere competitivi sul prodotto finito dobbiamo contare sulla nostra flessibilità e sulla qualità dei nostri artigiani.
Ritorno all’antico? Solo in parte. La qualità del nuovo artigiano, sia che lavori all’interno delle imprese o che costituisca un soggetto autonomo, è diversa da quella di vent’anni fa. Le differenze sono principalmente due: la prima è legata all’uso delle nuove tecnologie. Il nuovo artigiano sfrutta per quanto possibile le potenzialità del computer: oggi, la modellista che prende i punti a un vestito per signora punta lo spillo e modifica le misure del cartamodello al CAD. Tradizione e uso delle tecnologie convivono in modo virtuoso.
Altra differenza: la capacità di comunicare. Il nuovo artigiano è chiamato a trovare un suo spazio in filiere complesse. Deve saper interagire con mondi diversi, spesso molto complessi: quello dell’innovazione tecnologica, certo, ma anche quello della moda e della cultura. Insomma, non è più tempo di starsene chiusi in bottega.
Come fare a rilanciare un mondo di saperi e competenze a lungo misconosciuto? Un aspetto essenziale è legato alla formazione. Difficile pensare che figure così importanti possano essere formate attraverso percorsi percepiti come marginali. Per attirare nuovi giovani verso questi nuovi mestieri c’è bisogno di proposte formative nuove, in grado di garantire competenze utili e, soprattutto, uno status sociale adeguato.

Stefano

Questa voce è stata pubblicata in Innovazione, Nuove identità e taggata come , , . Aggiungi ai segnalibri il permalink.

6 Responses to Nuovi artigiani per il made in Italy che cambia

  1. Pingback: Shared Items - 24 June 2009 | [4]marketing.biz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *