Economia delle esperienze (hard)

Del passaggio da design a experience design abbiamo già parlato altre volte. Sappiamo bene che le imprese non posso più limitarsi a disegnare semplici oggetti: devono immaginare contesti d’uso, esperienze.

Agent provocateur ci prova da un po’ con un certo successo. L’ultimo video è un avvertimento in vista di San Valentino. Forse un po’ di ironia in più avrebbe giovato; di certo la voglia di sperimentare non manca.
http://www.agentprovocateur.com/lovemetender/.html

Share
Questa voce è stata pubblicata in Creatività e design e taggata come , . Aggiungi ai segnalibri il permalink.

5 Responses to Economia delle esperienze (hard)

  1. marco dicono:

    dopo aver visto il video direi che siamo propro sul didascalico. più che immaginare contesti d’uso mi sembrano proprio le istruzioni per l’uso di vecchia maniera anche se in salsa multimediale. non è che agent procateur rischia una deriva alla victoria secret’s?

    http://www.firstdraft.it/2008/03/07/sexy-quanto-basta/

    marco

  2. Video molto bello, che finalmente riporta l’oggetto dell’attrazione a contatto diretto con lo spettatore/cliente (vedi l’uso ironico-erotico della soggettiva, che ci fa vestire i panni dello sfortunato, o fortunato, protagonista…). Dopo certi esperimenti troppo astratti – vedi la precedente campagna The Four Dreams of Miss X, con Kate Moss diretta da Mike Figgis – Agent Provocateur ha forse capito che, al posto di tergiversare, bisogna rispettare il proprio prodotto e il suo main core: la lingerie è fatta per provocare e stuzzicare…

  3. Stefano dicono:

    @massimo
    ero un fan dei quattro sogni di miss x. forse è stato un progetto troppo “astratto”, ma decisamente innovativo.

    qui – mi pare – si va al dunque. lato design esperienziale, siamo a un passo dal manuale di istruzioni per l’uso..

  4. andrea casadei ACK dicono:

    mi ricorda molto la serie di frenchmaidtv che spopolò qualche anno fa sulla rete…

    il mio preferito come fare un podcast video

    più che didascalico, educativo…

    😉

  5. @stefano.

    hai assolutamente ragione. In fondo questo filmato è esattamente come la lingerie: tratta della questione vedo e non vedo. :-)

    Sintesi perfetta, in contenuto multimediale, del prodotto in vendita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *