Le marche secondo brandtags

Consiglio vivamente di visitare brandtags.net, il progetto lanciato da Noah Brier per capire che cosa pensiamo dei grandi brand internazionali. Il sito è un’applicazione che consente di associare una parola o una frase a una marca. I risultati sono riportati in forma di “clouds” che riflettono l’importanza delle parole associate ai brand più famosi.
Le “nuvole” sono rivelatrici. Scopriamo che le compagnie telefoniche non sono amate (questo in effetti lo sapevamo già..), che qualche volta le pubblicità funzionano (Intel è associato a “inside”), e che, a oggi, il logo delle olimpiadi di Pechino è associato più ai dubbi sulla politica cinese che al successo economico del paese.
I marchi italiani inseriti nella lista sono cinque. La nuvola di Ferrari parla di velocità (“fast” e “speed”), di passione (“red”) e, ovviamente, di quanto le Ferrari sono care (“expensive”). Due i marchi dell’alimentare nazionale: Bertolli, associato chiaramente a pasta e olio italiani e Illy, l’espresso che, per sua sfortuna, fa rima con “silly” (secondo voce per importanza). Quanto alla moda, brandtags.net ci riferisce di Dolce e Gabbana, inesorabilmente associato alla comunità gay (“gay” è il secondo tag più citato dopo “expensive”) e di Diesel, che è prima di tutto “jeans”, molto “cool”, ma anche molto “overpriced” (devo dire con un certo disappunto che nella cloud non ci sono molti riferimenti alla cultura libertaria del marchio così come lo conosciamo in Italia).
Dobbiamo fidarci delle associazioni di Brier? Il blog di Wikinomics non ha dubbi nel proporre brandtags.com come un esempio di intelligenza collettiva. Seth Godin è più scettico: le nuvole di brandtags non hanno molto significato, ma il gioco delle associazioni merita di essere giocato. In generale, la blogosfera concorda sul fatto che brandtags una visita la merita di certo.

Stefano

Questa voce è stata pubblicata in Digital Worlds, web 2.0. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

10 Responses to Le marche secondo brandtags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *