Comunicazione post-tecnocratica

Avete visto il video Yes we can? E’ il video di Will.i.am con le immagini del discorso di Barak Obama. Se non l’avete visto cliccate qui e prendetevi cinque minuti per guardare un assaggio di comunicazione post-tecnocratica. L’ispiratore dei Black Eyed Peas ha recuperato il video del discorso del New Hampshire e ne ha fatto una canzone coinvolgendo gli amici del cuore (fra gli altri John Legend e Scarlett Johansson). Parlare di successo rende poco l’idea: 5,5 milioni di download da youtube in poche settimane, senza contare il sito ufficiale del video e le tante repliche, sempre su youtube. Insomma, di che scalare le classifiche delle hitparade. Quanto al discorso originale, di download ne conta più o meno 700.000.
Il talentuoso Will.i.am ci dà qualche indicazione utile su cos’è la creatività in versione 2.0. Il video è il manifesto di una creatività orizzontale, connettiva, che prende a prestito i contenuti più diversi lasciandoci stupefatti se non altro per la velocità di esecuzione (48 h, a quanto riferisce il suo blog). E’ il manifesto di una comunicazione che gioca sempre di più sul registro dell’emozione e del coinvolgimento. Che garantisce un supplemento d’anima a parole e numeri.
La scienza, la tecnologia, la politica hanno le loro ragioni, ma per entrare nel cuore della gente hanno bisogno di linguaggi universali. Yes we can è l’ultimo sigillo di una serie illustre di progetti di successo. Per combattere il global warming un film (An Unconvenient Truth) è valso più dei rapporti delle nazioni unite; per capire il dramma del Vajont uno spettacolo di teatro ha contato più di tante perizie controfirmate; per decifrare la mala economia della camorra napoletana il docu-libro Gomorra ha funzionato molto meglio di tanti saggi di sociologia criminale.
Tutta la mia formazione ha seguito l’ortodossia italica allineata al motto secondo cui la scuola è prima di tutto “leggere, scrivere e far di conto”. Vedo il video Yes we can e decido di mettere in mano ai miei figli il mio vecchio mac perché oltre a scrivere in bella e fare addizioni e sottrazioni, vorrei che fossero in grado di cantare, suonare e magari montare una presentazione animata su keynote. E’ diverso da quello che ho fatto io alle elementari, ma è la frontiera a cui ci dobbiamo abituare. E anche in fretta.
Possiamo farcela? Domanda retorica, dopo aver visto il video..

Stefano

Questa voce è stata pubblicata in Digital Worlds, web 2.0, Nuove identità, Varie. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

14 Responses to Comunicazione post-tecnocratica

  1. Pingback: Comunicazione post-tecnocratica | [4]marketing.biz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *