Design come imprenditorialità culturale

La presentazione di Ron Pompei sul tema della progettazione e nella gestione degli spazi distributivi ci ha molto colpito (complimenti a Attila &CO per l’organizzazione dell’evento). Pompei sviluppa il concetto di imprenditorialità culturale (cultural entrepreneurship) per andare oltre il concetto tradizionale di design e per proporre un nuovo modo di interndere la relazione fra imprese e consumatori. Parte dei concetti che sono stati presentati a Milano sono noti, molti altri sono originali (ci torneremo sicuramente in questo blog). Quello che colpisce di Pompei è la capacità di dare consistenza tridimensionale a intuizioni sofisticate. I casi presentati (American Apparel, Apple store, Antrophologie, Urban Oufitter, ecc.) hanno impressionato per qualità e robustezza.
Dopo la presentazione abbiamo deciso di riprendere una riflessione sul tema del design e dell’innovazione che avevamo cominciato circa un anno fa. I temi sono simili, anche se le premesse sono leggermente diverse (noi parliamo di made in italy, ovviamente). Vi lasciamo l’articolo (che sarà pubblicato sul prossimo numero della rivista Argomenti). Dopo la presentazione di Milano siamo convinti che su questi fronti sia necessario accelerare.

Marco e Stefano

Questa voce è stata pubblicata in Creatività e design. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

2 Responses to Design come imprenditorialità culturale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *